“STACCANTE” fatto in casa

Buongiorno.

Quando uso gli stampi, per facilitare lo “staccaggio” 😉della pietanza, ho sempre usato una noce di burro ben stesa e poi una passata di pan grattato.

Ma da qualche tempo uso un altro metodo, consigliato da Natalia Cattelani.

Ecco la ricetta dello “STACCANTE”:

50 gr farina tipo “quello che vuoi tu” 👍, 50 gr di burro ammorbidito e 70 gr di olio di semi.

Amalgamando bene con una frusta questi semplici ingredienti, si formerà una crema da riporre, dentro ad un contenitore di vetro, in frigo per la prossima ricetta salata o dolce che sia.

Buon lavoro in cucina e … 👨‍🍳👩‍🍳 Buon appetito!

Beta

_____________________________________________________

P.S. I miei articoli  NON sono sponsorizzati dai link (cliccare sopra le parole “blu” e/o “rosse”) di rimando o dalle Case Editrici indicate.E’ un mio libero consiglio di lettura e/o comprensione.

POLENTA e FRICO

Buongiorno.

Siamo a marzo, alle soglie della Primavera e della bella stagione. 🌼🌷🌸🌺

Clima caldo che prevede la pulizia e la chiusura dello “spolert” , la cucina friulana a legna.

Per festeggiare la fine dell’inverno (e a settembre, l’inizio dell’autunno) è consuetudine della mia famiglia preparare Polenta e Frico.

Nessuno vieta di cucinarli d’estate, ma è un piatto sostanzioso, “caldo”, poco adatto al Solleone 🌞!

Piatti tipici, hanno diverse ricette, a seconda delle varie località friulane.

Queste sono quelle della family-Beta con i preziosi consigli di sior Jacum (Giacomo) e sior Claudio.

Per la polenta uso la farina di Mais macinata a grana grossa.

Nel cjalderuç (paiolo) per 1 kg di farina porto a bollore 3 litri di acqua. Salo e aggiungo 3 foglie di alloro per profumarla.

“Devi mettere tre quarti d’acqua nel paiolo, farla bollire, aggiungere sale grosso e…dopo un pò di tempo, versare la farina a pioggia, senza però formare grumi; devi aggiungerne fino a quando l’impasto diviene duro e poi devi mescolare sempre, per più di mezz’ora”.

Mescolando con la mèscule (il mestolo) di legno, aggiungo altra farina, se vedo che è troppo “morbida”. Deve diventare abbastanza consistente, quasi … asciutta.

Come piaceva a papà carnico 😀. Mamma, della “Bassa”, preferiva usare la farina gialla con un pò di farina bianca, macinate fini, con una cottura più leggera, per renderla più chiara e tenera. 😀

“A è une robe su pa brèe che a ten dongje dute la famèe” (Indovinello friulano)

C’è una cosa sul tagliere che tiene vicina tutta la famiglia. Cos’è? 😍

O così o colà, la Polenta è sempre una gioia in tavola!

Con lo spago (dalla base verso l’alto) si fanno le porzioni: prima il segno della croce e poi si fanno tanti “cardi e decumani” di romana memoria.😉😀

Ottima per accompagnare le carni (con un buon sughetto rosso),il pesce, un uovo al tegamino (lo consiglio il giorno dopo, con fette di polenta abbrustolite sulla piastra 😋) oppure con il Frico!

Ed ecco la sua ricetta.

In un padella si cuoce, con un pò d’olio, la cipolla dorata (non quella a buccia bianca) a fettine fini fini (un bello strato che copra il fondo) assieme alle patate tagliate a dadini piccoli (cuocendole, si devono sfaldare), sale, pepe e via a mescolare.

Alle patate, a quasi fine cottura, aggiungo il Formaggio (stessa quantità in peso del tubero) sempre a dadini.

Per il Frico bisogna assolutamente usare il Formaggio Montasio. Non ci sono alternative. Provato!😅

Formaggio Montasio in queste quantità di peso:1/4 di fresco, 2/4 di stagionato e 1/4 di stravecchio .

Così nella cottura i primi due danno la cremosità ed il “legame” con le patate mentre lo stravecchio dona la grassezza ed il sapore al piatto.

Tornando alla preparazione … La dadolata di formaggio la spargo sulle patate, un due mescolate e quando inizia a scaldarsi, chiudo con il coperchio.

Ogni tanto, dò una mescolata al Frico, soprattutto nei bordi, fino a che (cipolla, patata, formaggio) si amalgamano per benino (bastano pochi minuti).

A casa family-Beta non lo capovolgiamo mai (a mò di frittata per intenderci) …

… et voilà il risultato! 😋

Pronti i piatti?

E allora … Buon appetito in serena compagnia!

Beta

_____________________________________________________

Evviva …

🎵“aggiungi un posto a tavola …”🎵

… l’ospitalità e …

… l’ accoglienza.

______________________________________________________

Per saperne di più:

La preparazione della Polenta è della nonna di Alessandro, alunno della 3° classe della Scuola Media Statale di Tricesimo nel libro “SAVÔRS DI UNE VOLTE tra Agricoltura e Gastronomia nella zona di Tricesimo-Cassacco-Treppo Grande – Maggio 1995

______________________________________________________

P.S. I miei articoli  NON sono sponsorizzati dai link (cliccare sopra le parole “blu” e/o “rosse”) di rimando o dalle Case Editrici indicate.E’ un mio libero consiglio di lettura e/o comprensione.

COUS COUS mania!

Buongiorno!

P.S. Post scritto nel mese di Agosto … ma la ricetta va bene anche in quel di Settembre!🥰

Giornate calde, giornate estive, giornate che ai fornelli non ho molta voglia di stare.

Cerco di preparare tutto alla mattina, quando fa meno caldo 😅!

Ma se arrivo a casa all’ultimo minuto … faccio un bel “svuota frigo”! Come?

Con un primo freddo, senza cucinare!

Pasta e/o riso freddo sono ottimi, ma ci sono i tempi di bollitura dell’acqua, di cottura della pasta, il riso deve essere al dente e specifico perchè altrimenti diventa … “una pappa” …

Ed allora ho provato (scusate-per alcuni di voi- il ritardo!😄) il COUS COUS!🥰

Basta poca acqua “a livello” per la quantità scelta di semola e mentre si apparecchia, si prepara la verdura, … ecco che il piatto è pronto!

Basta aprire il frigo e “Chi c’è c’è!”😋

Una dadolata di verdure miste, pezzetti di latticini, carne bianca / pesce precedentemente cotti e tagliuzzati, erbe aromatiche, spezie, pepe e voilà !

Pronto il mio amato Cous Cous!

Vanno benissimo anche le scatolette di “condi-… e qualcosa”😉, viva la fantasia!😋

Buon appetito 🌞! 👋👋

Beta

______________________________________________________

P.S. I miei articoli  NON sono sponsorizzati dai link (cliccare sopra le parole “blu” e/o “rosse”) di rimando o dalle Case Editrici indicate.E’ un mio libero consiglio di lettura e/o comprensione.

CRACKERS … Multiuso! ;)

Buongiorno tutto il giorno 🌞

Io cucino, per la 35.ima volta (***) , un Blog! 😍

Passando a farvi visita, mi sono “intrattenuta” da Natalia e i suoi spezzafame.

Si preparano velocemente, molto gustosi e leggeri, ricchi, ricchissimi di vitamine, sali, ottimi!👏👏👏

Li ho gustati sia a pranzo ma anche a colazione, al posto delle fette biscottate o del pane.

Ottimi con le confetture speciali (fichi, ciliegie, fragole) o con il miele! Deliziosi!😋

Sveglia Gufo!😍

E così, quando li preparo, metà impasto lo taglio a rettangoli (pranzo) e metà a quadrettoni (colazione)!🥰

Buon corrrrroborante 💪 inizio di giornata ! 👋👋

Beta

P.S. (***) Digitando “STORIEDIBETA OGGI CUCINO UN BLOG! – e un numero da 1 a 34” entrerete nelle altre pietanze preparate, “stuzzicata” dalle ricette dei Siti che seguo! Grazie cooks! 😍🍴🍴

______________________________________________________

P.S. I miei articoli  NON sono sponsorizzati dai link (cliccare sopra le parole “blu” e/o “rosse”) di rimando o dalle Case Editrici indicate.E’ un mio libero consiglio di lettura e/o comprensione.

GRISSINI TENERONI

Buongiorno!

Sarà capitato anche a voi …

🎶”Sarà capitato 🎵 anche a voi”🎶 di avere una musica in testa!🎶🥰(ricordando Sylvie Vartan) che bello cantare!

… ma di NON avere pane per la cena?

No problem! Impastiamo un pò di farina? Pronti, attenti, mani in pastaaaa!

C’è la ricetta Formichina 😉 per uno sfizioso aperitivo e poi questa ricetta letta su una rivista culinaria , mensile che “gironzola” nella Beta-house da moooolto tempo.

Quando ne sfoglio qualcuna di qualche anno fa, sorrido notando la differente impaginazione, la descrizione delle ricette, le fotografie sempre più “particolari”, i prodotti utilizzati, … a prescindere dal Direttore di turno.

W la Cucina!🥰

Ops! Bando alle ciance e poi voi siete lì pronti ad aspettarmi … con le mani in pasta 😉😅😁.

E allora ecco gli ingredienti:

500 gr di farina, 250 ml di acqua, una bustina di lievito di birra, 50 ml di olio E.V.O., un pizzico di sale.

Ho usato per alcuni (quelli attorcigliati) farina 00 mentre per quelli più “tozzi” farina integrale ai cereali.

Largo ai (vostri) gusti!

Forno già caldo a 180° per 20′ circa, forse anche meno: stanno veramente poco a cuocere, il tempo di apparecchiare e … sono pronti!

Devono “dorarsi” oppure, se usate qualche spezia all’interno dell’impasto, appena sentite il profumo … a tavolaaaaa!

Buon appetito!

Alla prossima ricetta semplice semplice, vero Daniela? 🥰

Beta

_____________________________________________________

P.S. I miei articoli  NON sono sponsorizzati dai link (cliccare sopra le parole “blu” e/o “rosse”) di rimando o dalle Case Editrici indicate.E’ un mio libero consiglio di lettura e/o comprensione.

_____________________________________________________

FOCACCIA in PADELLA

Buongiorno!

Focaccia cotta in padella! Adoro!😍

Per l’impasto:

250 ml. di acqua, 3 cucchiai di olio EVO, 400 gr di farina, un pizzico di sale e una bustina di lievito per torte salate.

Per il ripieno : 350 gr di cicoria passata un attimo in padella e 150 gr di scamorza a pezzetti.

Per il procedimento seguite la ricetta di Benedetta : ho provato anche con altre verdure e formaggi ed il risultato è garantito!

Focaccia Luna Piena!🥰😋

Grazie Benedetta.😘e a voi … buon appetito!

Beta

_____________________________________________________

Per saperne di più:

Libro “INSIEME IN CUCINA” di Benedetta Rossi -ed. Mondadori – Dicembre 2020

_____________________________________________________

P.S. I miei articoli  NON sono sponsorizzati dai link (cliccare sopra le parole “blu” e/o “rosse”) di rimando o dalle Case Editrici indicate.E’ un mio libero consiglio di lettura e/o comprensione.

ARANCIA “PESTATA”

Buongiorno tutto il giorno!🥰

Ma quanto è profumato e buono il Basilico!

Nelle insalate, nel classico sugo al pomodoro, sopra la mozzarella, … dona sempre alla pietanza una nota di freschezza e di aromaticità.

Un condimento fresco per una pasta, è un Trito con Basilico, mandorle, capperi e la polpa dell’arancia, legato il tutto con l’Olio EVO.

Della polpa di arancia ne faccio una scorta in freezer, già dosata e pronta all’uso: in ciascun contenitore la quantità necessaria ad un “Pesto”.

Ideale nel periodo estivo, quando, per il caldo, si ha voglia di una cosa “veloce”, fresca, senza tanto stare ai fornelli.

Buon Appetito!

Beta

_____________________________________________________

P.S. I miei articoli  NON sono sponsorizzati dai link (cliccare sopra le parole “blu” e/o “rosse”) di rimando o dalle Case Editrici indicate.E’ un mio libero consiglio di lettura e/o comprensione.

SALE “PROFUMO dell’ORTO”

Buongiorno!

🎵 Sale profumo dell’orto🎵

Ricordando Little Tony con🎵“Mare profumo di mare!🎵

E rammentando che a San Simone bisogna aver racconto/pulito l’orto per il meritato riposo invernale … anche quest’estate ho provveduto alla raccolta delle piante aromatiche!

Macinate per bene con il sale grosso le conservo nei barattoli di vetro di marmellata 😋, all’insegna sempre del #riciclocreativo!😀

Adoro il loro profumo!

E come si legge sul cesto, Natale è alle porte 🎄e questa può essere una carina idea-regalo handmade!😍

Il mio regalo sarà speciale perchè le erbe aromatiche provengono dall’orto di mamma e papà … un modo per ricordarli, per non dimenticare il loro amore per la Cucina, la Natura e la Condivisione! 🤝🤝

Pezzetti di tela orlati con le forbici a zig zag, qualche nastrino , una decorazione … per questo lavoro sono una Ricamatrice pardon Bottonatrice seriale 😅!

Su pezzettini di feltro ho cucito dei bottoni (quelli belli grandi per i cappotti andranno super bene) , un fiocchetto e voilà, pronti per un bel gift ai nostri cari.

La decorazione può essere riciclata (cucendo sul retro una spilla grande da balia) come ferma foulard e/o sciarpa.

Oppure, usando anche il nastro, per infiocchettare un’anonimo moschettone e diventare un originale porta-chiavi.

O ancora, passando il nastro negli anelli di una catenella, per una particolare collana “invernale”.

Largo alla fantasia! 😍 Ed al Riciclo Creativo! 😍

Altri vasetti li ho “confezionati” in un porta-oggetti da usare poi come svuota-tasche nell’ingresso, come porta creme e cremine nella mensola in bagno, come porta gioielli sul comò, come … continuate voi …

Per il porta-oggetti serve un pezzo rettangolare di feltro : i quattro angoli li ho “pizzicati” con qualche punto di ago e filo e decorati con … bottoniiii! 😍

Un personale biglietto sarà la “ciliegina” sul … sale!😉🥰

I nostri amici Stefy-Andre ci hanno regalato un sale aromatizzato mescolando tutte le erbe aromatiche insieme. Da tener presente per la prossima volta. 👍😘😘

Buona aromatica giornata! 🌿🌿🌿

Beta

_____________________________________________________

P.S. Nella prima foto ci sono le belle Lanterne Rosse dell’Alchechengi con i loro rossi frutti. Non li utilizzo “sottosale”😊, ma li mangio perchè fanno beneee!💪

La “Salvia Russia” che si legge sulle etichette è una pianta di Salvia molto profumata e resistente, che papà aveva portato a casa da uno dei suoi viaggi di Volontariato. Mi sembra ancora di vederlo in tavola con le sue “modiche” quantità di pepe, peperoncino, salvia, … macinati sopra ai piatti!🥰

_____________________________________________________

P.S. I miei articoli NON sono sponsorizzati dai link (cliccare sopra le parole “blu” e/o “rosse”) di rimando o dalle Case Editrici indicate.E’ un mio libero consiglio di lettura e/o comprensione.

PANE … in pentola!

134

Buongiorno!

Del Pane fatto in casa avevo dato una ricetta tempo fa nell’articolo “PROFUMO DI PANE”.

E della pentola Versilia per le torte casalinghe   ve ne ho già parlato diverse volte, anche una settimana fa 😃 … ma oggi vi sorprendo (come mi sono sorpresa io) con la preparazione in suddetta pentola … attenzione … del Paneeee!

Una ME-RA-VI-GLIA di Pane.

Serve 1 uovo, 70 ml. di olio di semi di girasole, 250 ml. di latte, un cubetto di lievito di birra, 2 cucchiaini di sale e 2 cucchiai di zucchero. Terminare con 500 gr. di farina (del tipo che più vi aggrada).

Impastare (a mano) per benino e lasciar lievitare l’impasto finchè raggiunge il doppio del volume.

Dividere in 9 palline … riposo per 20′ e poi spianarle una ad una … riposo per altri 20′ … spinarle ancora un poco e impilarle una sopra l’altra stendendo sopra una spennellata di olio EVO … riposo per 15′.

A questo punto spianare bene il tutto e dividere l’impasto in 8 spicchi e arrotolarli ciascuno come quando si preparano i croissant, sistemandoli uno alla volta nella pentola infarinata.

Quando l’impasto raddoppia il volume, accendere il fuoco e … 5′ a fiamma alta, poi 40′ a fiamma bassa e gli ultimi 5′ a fiamma media.

PANE

Lasciar riposare e raffreddare questa meraviglia di Pane prima di “agguantarlo”!!!😋

Adesso sono felice. Ho le mie due ricette del Pane, profumo e gusto meravigliosi e ne sono molto soddisfatta! 😍 Una volta per ciascuno non fa male a nessuno!😊

Buon appetito!

Beta

P.S. Navigando di qua e di là, ho preso nota delle quantità degli ingredienti ma non del sito dove ho tratto questa ricetta. Me ne scuso e per cortesia, tu che mi stai leggendo e che dici “Ma Beta non ti ricordi che mi hai messo MI PIACE sul mio sito?!?!” … scrivimi nei commenti … per i dovuti e meritati onori! 🥰 Grazie.

_____________________________________________________

P.S. I miei articoli  NON sono sponsorizzati dai link (cliccare sopra le parole “blu” e/o “rosse”) di rimando o dalle Case Editrici indicate.E’ un mio libero consiglio di lettura e/o comprensione.

 

 

 

 

GRISSINI “FORMICHINI”

134

Buongiorno!

Voglia di Grissini sfiziosi?“OGGI CUCINO UN BLOG! – n.33”

Si sta più a dire/leggere che a fare!😍

Bastano pochi ingredienti, un pò di olio di gomito e via che l’accompagnamento ai nostri salumi, formaggi, latticini … è pronto!

Si impasta 300 gr di farina 0 con 100 ml di acqua e 80 ml di olio E.V.O..

Al posto del sale ho usato del pepe e della curcuma.😊

Con la rondella taglia-pasta ho realizzato dei grissini lunghi e delle losanghe ottime per spalmareee dei saporiti formaggi cremosi. 😋

In forno a 180° per una quindicina di minuti et voilà …

GRISSINI di Mamma Formica

Buon sfizioso aperi-pranzo-cena! 🥰

Grazie Mamma Formica!

Beta

_____________________________________________________

P.S. I miei articoli  NON sono sponsorizzati dai link (cliccare sopra le parole “blu” e/o “rosse”) di rimando o dalle Case Editrici indicate.E’ un mio libero consiglio di lettura e/o comprensione.