CENTRINO COLLLLOSO! ;)

Buongiorno!

Oggi andiamo di colla vinilica!

Chi si ricorda del mitico programma ART ATTACK? 🥰

Ho intenzione di regalare ad una Associazione dei centrini realizzati all’uncinetto.

Sono nel cassetto del comò … “Se domani servono … “. E poi (come con altri oggetti/vestiario/calzature) utilizzo, a rotazione, sempre quei due/tre e gli altri rimangono belli belli, buoni buoni nell’armadio.

Il Donare è un piccolo gesto per rendere felici altre persone.💕😍

E allora ecco qua, belli stirati ma … mentre li stiro, mi accorgo che uno è scolorito.

Non è il caso di regalarlo (Rispetto per chi lo riceve) e … lo getto via ? Non sia mai!😅

Mi torna in mente mia madre che ha confezionato le bomboniere per la Comunione: cestini all’uncinetto inamidati … con acqua e zucchero! Un dolce profumo in tutta la cucina! Bel ricordo.🥰

Pensa che ti ripensa … provo🤔… … provo 💡… a inamidarlo!😍

Su di una insalatiera bella tonda, sistemo (come protezione) un foglio di cellophane e sopra il mio lavoretto.

Poi spennello con la colla diverse volte, lasciandolo asciugare per un giorno intero .

Una volta asciutto, il cellophane si “stacca” facilmente e … et voilà,

il cestino porta-chissàcosaporterà 😊 è pronto!

Consiglio di Beta: utilizzare centrini con motivi fitti a punto alto e/o a Filet, non come il mio, con tanti ” buchi”!

Perchè?

Perchè, una volta asciutta, si crea (v. seconda foto) un film trasparente tra una “rete” e l’altra! 😅😂🤣🤦‍♀️

E non è un bel vedere: almeno per Beta barra/ordinata, barra/precisina.😊😁🙄

Com’è il detto? “Sbagliando si impara!!!” .

Ho rifatto tutto il procedimento (testarda sono!😊) e PRIMA ho posto il centrino su di un ripiano e l’ho spennellato ben ben di colla e POI l’ho appoggiato al cellophane per dargli la forma desiderata.

Così SOLO i fili di cotone (e non i buchi) si sono “impregnati”di colla! 👍💪

Buon incollaggio! Divertimento assicurato con i bimbi! Parola (anche) di Neil e Giovanni 🎨🎨🎨

Alla prossima idea!👋👋

Beta

______________________________________________________

P.S. I miei articoli  NON sono sponsorizzati dai link (cliccare sopra le parole “blu” e/o “rosse”) di rimando o dalle Case Editrici indicate.E’ un mio libero consiglio di lettura e/o comprensione.

SottoPentola LEGNOSI!

Buongiorno.

Dopo i sottopentola “lacciosi” oggi vi insegno come fare quelli “legnosi”.

Ho usato dei cerchi di legno del diamentro di 5/6 cm. che “giravano” nel mio cassetto fai da te, reduci da una prova non riuscita per delle tendine. #ancheBetasbaglia !😊👏😅

Li ho rivestiti con filo di cotone doppio (uno bianco ed uno beige) lavorando all’uncinetto a punto basso molto fitto, in modo da coprire totalmente il legno.

Al termine del lavoro, con il filo “terminale”, li ho uniti a due a due, a formare un fiore esagonale.

Ecco qua i miei SOTTOPENTOLA LEGNOSI.

Questa è la “base” : al momento della preparazione per un regalo, li abbellirò facendo un giro tutto intorno sempre a punto basso, utilizzando del filato colorato (conoscendo i gusti del destinatario 🎁) oppure (e non si sbaglia mai) punterò sul bianco e/o sul beige!🎁

Alla prossima idea riciclosa!👋👋

Beta

______________________________________________________

P.S. I miei articoli  NON sono sponsorizzati dai link (cliccare sopra le parole “blu” e/o “rosse”) di rimando o dalle Case Editrici indicate.E’ un mio libero consiglio di lettura e/o comprensione.

SCUOLA DI RICAMO – 4

Buongiorno tutto il giorno !🌞

Oggi continuiamo la lezione di ricamo con altri Fiori!

PUNTO RASO: Iniziamo con un fiorellino? A differenza del PUNTO LUNGO i punti sono alternati (uno corto ed uno lungo) e seguono la “linea” del disegno scelto.

PUNTO LANCIATO: Ed ecco le foglie!🌿🌿🌿 A differenza del PUNTO RASO, può essere eseguito con lunghezze diverse.

Andrà bene per ricamare l’erbetta di un prato.🍃🍃🍃

PUNTO ROMANTICO:😍Love!😊Io lo userei come “tappa-buchi” per dei jeans. Che ne pensate?

Creando magari, un prato di foglie sparse oppure in circolo, come dei bei petali di un fiore? Liberate la fantasia!🥰

Il mio Giglio: anche se son passati tanti anni, mi ricordo ancora che … mh! 🤨… non ero molto convinta del risultato.🙄

Buon ricamo e alla prossima lezione.👋👋

zia Beta

____________________________________________________

Per saperne di più:

libro “IL GRANDE LIBRO DEL RICAMO E DELLA MAGLIA” ed. Selezione dal Reader’s Digest Spa – ottobre 1980

____________________________________________________

P.S. I miei articoli  NON sono sponsorizzati dai link (cliccare sopra le parole “blu” e/o “rosse”) di rimando o dalle Case Editrici indicate.E’ un mio libero consiglio di lettura e/o comprensione.

SottoPentola LACCIOSI!

Buongiorno!

Cambio stagione in partenza sul binario di Beta-casa!

Si aprono armadi grandi e piccoli per una bella pulizia! E sistemando quello delle scarpe ho trovato un bel pò di lacci di ogni colore per (futuri) cambi sulle scarpe da ginnastica. Si acquistano perchè in negozio sono così allettanti 😍ma poi arrivati a casa … rimandono ben riposti nel cassetto.

E allora ecco che parte l’idea riciclosa di mamma Beta.

Ho lavorato del filo di cotone grosso all’uncinetto, a punto basso, inserendo tra un punto e l’altro, i summenzionati lacci, assieme a cordicelle, nastri, nastrini, … che “gironzolavano” nelle mie scatole di lavoro … creando dei rotondi “Sotto-pentola”, utili anti-graffio per le padelle!

Così colorati, possono essere anche dei “Sotto-piatti” per abbellire la tavola primaveril-estiva, perchè no!

O in un modo o nell’altro (dipende dalla grandezza dei tondi, dai colori usati … e dalla quantità di lacci che si ha in casa 😅😁) saranno sicuramente molto utili in cucina.

Alla prossima idea riciclosa!

Beta

____________________________________________________

P.S. I miei articoli  NON sono sponsorizzati dai link (cliccare sopra le parole “blu” e/o “rosse”) di rimando o dalle Case Editrici indicate.E’ un mio libero consiglio di lettura e/o comprensione.

BIGLIETTI PASQUALI

Buongiorno!

Se Beta non può andare da parenti ed amici …

Biglietti Pasquali riciclosi in arrivo!📯📬💌

Ricordi “fiorosi”📸

Prima idea riciclosa:

Facendo le pulizie di Primavera mi è capitata sottomano la scatola con tutte le fotografie di Natura scattate in tutti questi anni. Adesso con il digitale ci viene in aiuto la memoria del pc, che le salva decidendo di volta in volta cosa stampare. Ma una volta, con il rullino, si stampava tutto quanto, belle e brutte!

Le migliori sono archiviate in bell’ordine negli album di famiglia ma molte le abbiamo archiviate in buste con la dicitura “Mare” “Montagna” “Fiori” “Panorami” “Città”… ed eccole qua … cosa fare? Come dare un valore a queste immagini?

altre Uova con la carta!😍

Seconda idea riciclosa:

Avete presente le confezioni triple di quei golosi ovetti di cioccolata con sorpresa?

Aprendo la confezione … toh! Cosa vedo? Una, anzi tre belle “mascherine” ovali 🥚🥚🥚 giuste giuste per dei lavoretti Pasquali! 😍

“Du” ricicli sono meglio “che uan”!😉😁

Ed allora iniziamo!

Su un cartoncino colorato disegno e ritaglio la sagola ovale.

La “cornice” la incollo sulla foto scelta ritagliando l’eccedenza.

Io ho usato le forbici a zig zag!

Su metà cartoncino bianco incollo le immagini e poi … via con la scritta “Buona Pasqua”, qualche decorazione a mano libera, inserendo i nomi dei nostri cari, magari con pennarelli dello stesso colore del cartoncino colorato, qualche fiocchetto, cuoricino, fate vobis … largo alla fantasia come sempre!

Sono proprio contenta (per le foto) : oltre a Pasqua, le potrò usare (cambiando “Mascherina”) per un Compleanno, una ricorrenza particolare, per Nataleeee!!!😍

Alla prossima idea riciclosa … e buona merenda!😋😁

Beta

___________________________________________________

P.S. I miei articoli  NON sono sponsorizzati dai link (cliccare sopra le parole “blu” e/o “rosse”) di rimando o dalle Case Editrici indicate.E’ un mio libero consiglio di lettura e/o comprensione.

SCUOLA DI RICAMO – 3

Buongiorno !

Ago, filo e ditale pronti? Via che iniziamo.

Dopo l’uno ed il due … c’è il tre! Terza lezione-web di ricamo.😍

PUNTO MARGHERITA: riscrivo qui la spiegazione, poco chiara nella foto:

“”Puntare l’ago al centro della corolla, eseguendo un punto “Catenella” semplice, fermato poi con un piccolo punto indietro uscendo con l’ago dove deve aver inizio il punto seguente. Si può completare il punto “Margherita” eseguendo un punto “Lungo” al centro di ogni petalo. “”

Punto Lungo? 🤔 Eccolo qua!👇👇👇

Consiglio di zia Beta 😊: la lunghezza dei punti deve essere uguale, in tal modo il lavoro risulterà “pulito” e ordinato.

E poi per completare il ricamo fiorito …

PUNTO FRASCA: Un bel punto per creare delle fresche e verdi frasche!🌿🌿🌿

Un’idea primaverile:🌸🌺🌷ricamare delle belle margherite su una maglietta oppure un decoro fiorito sui jeans, per rinnovarli un pò. Largo alla fantasia!😍

Buon ricamo e alla prossima lezione!👋👋

zia Beta

___________________________________________________

P.S. I miei articoli  NON sono sponsorizzati dai link (cliccare sopra le parole “blu” e/o “rosse”) di rimando o dalle Case Editrici indicate.E’ un mio libero consiglio di lettura e/o comprensione.

GOMITOLI di LANA

Buongiorno!

Gomitoli di lana, mi trovo con tanti gomitoli di lana …

Ogni gomitolo è una storia.

E’ la storia di mamma Iris magliaia … in piedi, davanti alla macchina, un’occhiata al quaderno dove ha annotato le misure, il metro intorno al collo, la mano sulla manopola e via che si parte … avanti ed indietro, avanti ed indietro … il rumore degli aghi ha accompagnato i miei pomeriggi di studio … avanti ed indietro … i pesi, le barre di inizio lavoro, l’odore di olio per far scorrere bene i meccanismi … avanti ed indietro … pausa … cambio della bobina con la lana di un altro colore e via … avanti ed indietro … il “contagiri” che (ogni tanto) qualche piccola manina 😉toccava “clic, clic,clic” “Elisabetta non toccare, che si rovina”, come dire “RISPETTO dell’oggetto, RISPETTO del lavoro di una persona”, uno degli insegnamenti di mamma e papà.

E poi la sera, dopo cena, mamma seduta in cucina … profumo di legna nella stufa, profumo di ferro da stiro, per permettere ai vari pezzi del maglione di essere più “comodamente” cuciti insieme … il dolce suono dell’ago che batte sul ditale … tic tic … una borsa piena di gomitoli, “avanzi” di altri lavori, non si spreca, può tornare utile, per un rammendo, per un paio di caldi calzettoni “da lavoro” per papà …

E gli ultimi suoi gomitoli sono arrivati a casa mia … sono la sorella fai-da-te!😍

Ed all’insegna del #nonsipreca #riciclocreativo ho pensato un pò e …

… con la lana di colore chiaro ho creato le palle di Natale che ho spedito a parenti ed amici … un modo per stare vicini, anche se lontani purtroppo. *

C’era del filo argentato, sarà un caso, un aiuto dal cielo 🙏 non lo so, ma è arrivato giusto giusto per tutte le decorazioni.🥰

E poi … e poi con la lana più grossa ho realizzato, sempre all’uncinetto, i classici “quadrotti”, li ho rifiniti con altra lana e ho realizzato dei guanti senza dita, doni utili … per chi va a correre, per chi esce con il cane, … vero M & M ? 😘😘💖💖

DONARE altra bella parola che mamma e papà mi hanno insegnato.

E poi … e poi tanti gomitoli di lana a due fili, la lana preferita da mamma. Si accorgeva subito, al tatto, se era lana al 100% oppure no! L’ESPERIENZA dopo tanto FARE, FARE e RIFARE!

E mi sono creata, questa volta con i ferri, una coperta, una calda coperta per il mio lettone. Giro dopo giro, unendo filati più o meno lunghi, con nodi che testimoniano il lavoro di mamma, colori dei più svariati, non importa, bisogna imparare ad apprezzare quello che si ha!**

Grazie mamma!😘

E a voi piace sferruzzare?

Bello il gomitolo, vero? E’ un mosaico, un filo di un meraviglioso, particolare, unico, colorato, geniale, fantasioso mosaico a Tramonti di Sotto in provincia di Pordenone.

Bisogna aguzzare la vista per ammirare ogni centimetro quadrato lungo le vie del paese! E’ una sorpresa dietro l’altra!

Saluti ed un “Arrivederci” a presto * da parte della salamandra!😍🤗

Buon lavoro ed alla prossima idea!👋👋

Beta

* Dipende tutto da noi, da come ci comportiamo. Sono SOLO 3 regole,sempre quelle, ma se TUTTI le rispettiamo h24, ne usciremo. Pensando a TUTTE le persone che lavorano in prima linea. 3 regole. Rispettiamole per rispetto verso noi stesso e verso gli altri.

** Questo periodo “casalingo” mi insegna ad apprezzare quello che ho in casa: gli alimenti in cucina, i vestiti nell’armadio, i materiali nelle mie scatole 😊, … all’insegna del NON sprecare, dell’ACCONTENTARSI di quello che si ha e del DONARE alle persone.

_____________________________________________

P.S. I miei articoli  NON sono sponsorizzati dai link (cliccare sopra le parole “blu” e/o “rosse”) di rimando o dalle Case Editrici indicate.E’ un mio libero consiglio di lettura e/o comprensione.

SCUOLA DI RICAMO – 2

Buongiorno!

Seconda lezione di ricamo!🥰🥰

Dopo il punto Filza, Impuntura e Erba oggi ricamiamo …

… il MIO punto! 😍 Ho “catenellizzato” metà casa … e non solo la mia!🤣🎁🎁🎁🥰

PUNTO CATENELLA: Con il filo grosso è una meraviglia ricamarlo! 😍.

Un consiglio: non “tirate” tanto il filo, altrimenti si arriccia il tessuto ed il punto non si vede bene.

PUNTO CATENELLA INCROCIATO: per un “movimento” in più da dare al ricamo.

PUNTO CATENA: punto più “regolare”, adatto magari per ricami “geometrici”.

Le mie campanelle primaverili!🌹🌹🌹

Buon ricamo ed alla prossima lezione!👋👋

zia Beta

__________________________________________________

P.S. I miei articoli  NON sono sponsorizzati dai link (cliccare sopra le parole “blu” e/o “rosse”) di rimando o dalle Case Editrici indicate.E’ un mio libero consiglio di lettura e/o comprensione.

SCUOLA di RICAMO – 1

Buongiorno!

Tra i tanti ricordi scolastici, c’è la tela con tutti i vari ricami imparati durante le lezioni ed un raccoglitore con le schede di spiegazione.

Ogni rettangolo è dedicato ad un punto: catenella, croce, gigliuccio, … e il punto Assisi!😍Quello che mi riusciva meno, tanto che in tutti questi anni non l’ho mai utilizzato 😬, è il punto erba, uno dei più facili (dirà qualcuno) ma (forse) per il fatto di essere mancina, ho dovuto “rovesciare” molte lavorazioni e il punto erba proprio no!😊

Ma l’amore per il ricamo è (da sempre) molto forte e adesso ho pensato di condividerlo con voi.

Non con video (vi insegnerei alla rovescia!😅) ma “regalandovi” le schede, con le quali potrete cimentarvi (me lo auguro) in molti splendidi lavori per voi e per gli altri.

Iniziamo? Come tela-imparaticcio (se siete alle prime … gugliate🥰) scegliete una che avete in casa, va bene anche un bel canovaccio; se è di colore chiaro è meglio, così il ricamo risalta e si può notare la regolarità del punto.

Una matassina di filo di cotone (il filo moulinè – più fine – lo useremo più avanti, quando avremo “preso mano … e occhio”), un ago per la lana (quello con la cruna lunga) e mi raccomando il ditale!!! Quando vedo sui Social queste dita senza ditale … ma non vi bucate mai???🥴😵🤪

PUNTO FILZA: oltre che per “riempire” foglie, petali, … è l’ideale per saldare il filo all’inizio ed alla fine … niente nodi!

“Il diritto ed il rovescio devono risultare (quasi) uguali” ci diceva l’insegnante.🥰

PUNTO IMPUNTURA: scegliete un disegno facile, senza tanti “ghirigori” … che ne dite del vostro nome bello grande in stampatello? 😍

PUNTO ERBA: ecco qua il mio adoratoooo 😂punto! Proviamo a ricamare una bella margherita petalosa?🌼

Questo è il mio risultato. Ed il vostro?

Buon ricamo e alla prossima lezione.👋👋

zia Beta

_____________________________________________________

P.S. I miei articoli  NON sono sponsorizzati dai link (cliccare sopra le parole “blu” e/o “rosse”) di rimando o dalle Case Editrici indicate.E’ un mio libero consiglio di lettura e/o comprensione.

_____________________________________________________

BIGLIETTI RICICLOSI! :)

Buongiorno!

Sistemando le cartelle fotografiche dei miei lavori, ho trovato queste creazioni handmade con la carta per dei decori natalizi davvero originali e riciclosi, come piace a me.

Buon divertimento!

Iniziamo con i biglietti d’auguri.

Con delle sagome rotondeggianti bianche e ritagli rossi, ho realizzato dei Babbi Natale sorridenti.

Mentre disegnando degli ovali e dei rettangoli … ecco a voi delle Alci 🥰 canterine!🎵🎵🎵

Ritagli di cartoncini, di diversi colore, forma, decoro, … qualche nastro luccicoso, una decorazione natalizia di una carta regalo, et voilà : Biglietti unici per persone uniche nel nostro 💗!

Su fogli bianchi, incolliamo delle immagini (tratte da riviste, pezzetti di carta da pacchi, cataloghi,…) e poi lasciamo libertà e fantasia nel colorare ai nostri ragazzi, pensando alla persona che lo riceverà.

All’insegna del #faidateconte !👨‍👩‍👧‍👧

Alzi la mano chi ha dei puzzle incompleti!🙋‍♀️ Dopo tanto giocare con i bimbi, non si sà come, sparisce sempre qualche pezzo!😅 E allora perchè non colorarli (sul retro, non sulla parte dell’immagine) con della tempera, incollarli su del cartoncino rigido e decorarli (io ho usato dei piccoli disegni di carta da pacco) usandoli come bigliettini per il nome, da infiocchettare al pacco regalo.

Su dei fogli A4 di cartone rigido incollare dei disegni natalizi, due fori alle estremità per un bel fiocco ed ecco pronto un pacchetto porta-regalo veloce veloce.

Riciclare fogli di quaderni della scuola colorando con le matite e utilizzarli, dopo averli tagliati a rettangolo, come bigliettini per il nome .

Oppure possiamo creare i bigliettini cerosi!😍 Splendida idea!

Si utilizzano tutti i pezzetti di pastelli a cera, troppo piccoli da tenere in mano, che rimangono in fondo alla scatola e/o astuccio. Si grattugiano come fossero carote 😊 e poi se ne mette un pò (sbizzarritevi con i colori! Multicolori, tonalità scura e tonalità chiara, … largo alla fantasia!😍) … dicevo … se ne mette un pò sul foglio bianco, si copre con carta da forno, si appoggia sopra il ferro da stiro caldo … e magiaaaa!🥰

Buon impacchettamento!

Alla prossima idea!👋👋

Beta

P.S. Un consiglio? Preparate in anticipo questi lavoretti (abbiamo undici mesi!) così nelle settimane che precedono il Santo Natale, basterà decorarli un pò di più, personalizzarli con il nome, … insomma renderli unici per persone uniche!💗

_____________________________________________________

P.S. I miei articoli NON sono sponsorizzati dai link (cliccare sopra le parole “blu” e/o “rosse”) di rimando o dalle Case Editrici indicate.E’ un mio libero consiglio di lettura e/o comprensione.