CONSIGLIO IGIENIZZANTE

Buongiorno.

La Primavera (per le grandi pulizie pasquali) è ancora un pò lontana, devono ancora arrivare i proverbiali Giorni della Merla!

Ma alcune pulizie in casa non vanno mai abbandonate.

Soprattutto in questi periodi umidi, di pioggia, con il riscaldamento al minimo, … la famigerata muffa mi fa visita proprio in quell’angolino lassù!🤨

Consiglio l’uso della candeggina. In un barattolino spray riciclato, verso 1/3 di candeggina e 2/3 di acqua.

Spruzzo sul famigerato “angolino lassù” e tampono con un straccio. Giusto un pò, per togliere i puntini della muffa. L’alone che compare dove ho spruzzato, in poche ore si asciuga, lasciando la parete pulita e disinfettata.

La uso, sempre diluita, sulle fughe delle piastrelle in bagno; oppure (e qui la bottiglietta spray è proprio comoda) per pulire a fondo l’interno del “troppo pieno” dei sanitari in bagno e del lavello in cucina.

W la Candeggina!

Ma perchè si trovano in commercio confezioni di Candeggina e di Varecchina quando leggo che sono la stessa cosa, sono sinonimi?

“Sostanza usata nel bucato, per detergere meglio la biancheria” e per “sbiancare il bucato” .

Candeggina deriva da “Candido“, una parola latina che significa “che brilla” (➡ candela) e/o “bianco” (come il lindo bucato pulito da ogni macchia).

Deriva anche “Candidato”, perchè, nell’antica Roma , la persona scelta indossava una una toga bianchissima. #nonsifiniscemaidiimparare !👍

Candeggina o VARECCHINA = dal francese “varech” , a sua volta dall’inglese antico “wraec” che significa “RELITTO” perchè è il prodotto che si estrae dalle ceneri di una particolare alga marina.

Dalla cenere della legna bruciata nel camino si ricava la Lisciva, altro potente sbiancante usato dalla nonna soprattutto per le bianche lenzuola. Il profumo di quella biancheria stesa al sole! Che buono!🥰🌞

Ho trovato la ricetta … chissà-chissà se Beta la farà? 😁😉 #impararequalcosafabene!💪👍

Intanto preparo la cenere facendo un bel fuoco nella stufa.🔥🔥🔥

Buona “pulita” giornata … al calduccio.🏡

Beta

P.S. Ho trovato un interessate uso della cenere 👍 (ed altri consigli) nell’articolo di Daniela, di mamma Daniela. Utili consigli per delle pulizie eco-bio come piace a noi, anche al profumo di lavanda 💜, ricordando la sua amata Provenza.

______________________________________________________

Per saperne di più:

“IL MIO PRIMO DIZIONARIO” di G.Miot – Giunti editore 1990

“IL PRIMO ZANICHELLI” a cura di Mario Cannella – Zanichelli Editore 1999

“LO ZINGARELLI MINORE” Vocabolario della Lingua Italiana -di Nicola Zingarelli – Zanichelli Editore – 2001

______________________________________________________

P.S. I miei articoli  NON sono sponsorizzati dai link (cliccare sopra le parole “blu” e/o “rosse”) di rimando o dalle Case Editrici indicate. E’ un mio libero consiglio di lettura e/o comprensione.

BUONE ABITUDINI!🌍💚

Buongiorno green!🌳💚🌍💚🌲

Dopo il “PENSIERO SULL’AMBIENTE”

… Piccoli consigli/accorgimenti a casa-Beta. Un ripasso che serve (soprattutto) a me per ricordarmi di farlo sempre.

LUCE

Dell’accensione della luce in 🏡 ho scritto qualcosina in un precedente articolo, giocando ad una moscacieca particolare.💚

ACQUA

In cucina chiudo il lavello con il tappo. Così non spreco acqua quando riempio la caraffa per bere, se risciacquo un frutto, mi lavo velocemente le mani sporche di cipolla appena affettata, …

L’acqua nel secchio, insaponata, (o è meglio dire “indetersivata”?🤔😅),usata per il lavaggio di capi in lana, la uso poco alla volta, per scaricare il water , dopo la “plin plin”.

L’acqua del risciacquo delle verdure va benissimo per innaffiare le piante.

L’acqua rimasta nel serbatoio del ferro da stiro a vapore, va dritta dritta nel lavello in cucina, debitamente chiuso o per dissetare le mie piante.🌿💚🌿

TESSUTO

Vecchie magliette, canottiere, camicie, opportunamente “squadrate” ✂✂✂, vanno benissimo come stracci per la polvere, mentre maglioni lucidano che è una meraviglia le superfici dei mobili di legno oppure per stendere la cera ai pavimenti.

CARTA

Quaderni, diari, agende, … prima di gettarli, recupero le pagine bianche … rimangono sempre le ultime pagine vero? 🤔

Se sono grandi le taglio a metà o a quarti, e poi le unisco insieme con una molletta da bucato o le inserisco in una scatolina sulla scrivania, pronte per nuovi appunti/liste/annotazioni/…

La carta velina (trovata dentro alle borse e/o scarpe nuove) igienizzata spruzzando dell’aceto bianco, una volta asciugata per benino, la utilizzo per incartare dei regali, magari disegnando (o facendo disegnare al bimbo di casa) qualcosa di colorato oppure incollando o scrivendo, dei motivi (trovati su riviste e giornali) che abbiano attinenza al festeggiato … attrezzi sportivi, nomi di ricette culinarie, titoli di libri, di film, i monumenti della città del cuore, i suoi intercalari, … 🎁🎁

VETRO #bastaplasticaacasa

I vasetti di vetro di marmellate, sott’aceti, creme viso, … vanno benissimo come contenitori.

Sono lavabili più e più volte per usarli … “più e più volte”.

Al “naturale” o decorati con spago, filati, carta, … W il vetro!🥰

In ogni stanza della casa sono necessari. A seconda della grandezza, vanno bene come porta … -fiori -matite -candeline -farina -pastina -legumi -zucchero & C. –sale aromatizzato -bigiotteria -svuota/tasche -spazzolini da denti -pennelli trucco -viti e vitine -chiodi e chiodini -piccola ferramenta – … -… -… e le caramelle vuoi non metterle? Magari in quei bei vasi un pò panciuti che contenevano le pesche sciroppate, avete presente? La misura piccola mi è servita per sistemare i bulbi dei giacinti. Perfetta!🌹

PLASTICA

Gli spazzolini usati, prima di gettarli definitivamente, li adopero per rimuovere lo sporco nella grattugia, oppure nelle fughe delle piastrelle, nelle fessure dei lavabi/lavelli del “troppopieno”, nello scolapiatti in inox, … si infilano dappertutto! Sono proprio dei curiosoni!😉😊#sorriderefabene

ACCESSORI IN CUCINA

Le pentole (fanno parte -ancora- del mio corredo!👰🤵) mi permettono di cucinare con poco gas e poi … se ci penso un pò … l’acqua bolle a 100°. Per la cottura della pasta o delle verdure, basta spegnere poco dopo il primo bollore. Il cibo continua a cuocere perchè prima che l’acqua si raffreddi, ci vuole un pò di tempo … dai 100° iniziali! Pensando anche che le nostre quantità di cibo non sono, come si dice, “da caserma” ci vorrà veramente poco!🍳🍳🍳

Passaverdura a mano 🖐 per le minestre, per i sughi, per un contorno di carne/pesce, pratico ed eco, al posto del frullatore elettrico. W l’Olio di gomito!💪

Al prossimo ripassino delle “Buone abitudini green”💚.

Buona giornata.👋👋

Beta

______________________________________________________

P.S. I miei articoli  NON sono sponsorizzati dai link (cliccare sopra le parole “blu” e/o “rosse”) di rimando o dalle Case Editrici indicate. E’ un mio libero consiglio di lettura e/o comprensione.